Rimborsi a favore degli emigrati che rientrano in Sardegna

Richiesta rimborsi rientro dall'estero

Rimborsi a favore degli emigrati che rientrano in Sardegna

La Legge Regionale 7/91 autorizza i Comuni a corrispondere il rimborso delle spese di viaggio al lavoratore emigrato, ed alle eventuali persone a suo carico, che rientri in Sardegna dopo almeno un biennio di lavoro fuori dall’isola. I rimborsi e le indennità sono erogati dai Comuni a titolo di anticipazione e non competono ai dipendenti di enti pubblici trasferiti in continuità del rapporto professionale. Condizione essenziale per usufruire dei contributi è avere ripreso la residenza in Sardegna e non aver perso la cittadinanza italiana. I contributi consistono in:

  • indennità di prima sistemazione;
  • rimborso delle spese di viaggio dell’interessato e dei familiari a carico;
  • rimborso delle spese di trasporto trasloco.

Chi può accedere al servizio:

  • Cittadini nati in Sardegna ed emigrati dalla Sardegna per l’estero o per altra regione italiana.
  • Coniugi e figli di emigrati sardi, anche se non nati in Sardegna, con almeno un genitore sardo.

Requisiti:

  • aver dimorato stabilmente fuori del territorio regionale;
  • aver mantenuto la nazionalità italiana;
  • aver lavorato per almeno due anni fuori dalla Sardegna.

Cosa presentare:

  • Domanda su apposito modulo.
  • Documentazione attestante il possesso dei requisiti e le spese sostenute.

Tempi

Presentare la richiesta dei contributi entro un anno dal rientro in Sardegna.

Costi

Gratuito.



Condividi: